Home restaurants, il piacere di degustare del buon cibo

È alquanto strumentale tutta la polemica e tutto il relativo polverone sollevato da parte dei ristoranti e affini sulla questione degli home restaurants. Non per nulla, in materia fiscale e tributaria vige il concetto riguardante la prestazione occasionale, che prevede che se non si superano i 5000 euro non vi sia necessità di alcuna dichiarazione e apertura di Partita IVA.

Ma è poi anche da valutare il fatto, certamente non di secondo piano, che ognuno di noi, fino a prova contraria, è libero di invitare a mangiare a casa propria chi vuole, e attaccarsi al fatto che viene ad essere richiesto un compenso più che simbolico, è davvero triste e squallido. La filosofia degli home restaurants si basa proprio sulla condivisione del piacere di conoscersi e poter degustare del buon cibo.

Impedire o voler regolamentare la libertà di organizzare degli home restaurants equivarrebbe a volersi intromettere nella libertà individuale. Sarebbe come voler impedire ad un gruppo di amici o di individui, di mettere una certa cifra al fine di poter organizzare un pranzo o una cena conviviale.

La cosa più errata è voler vedere gli home restaurants come possibile forma di antagonismo o di concorrenza alla tradizionale ristorazione. Chi ama frequentare gli home restaurants sa benissimo che non potrà di certo ricevere tutte quelle attenzioni che può trovare in un ristorante, cioè non avrà di certo a disposizione un menù, un cameriere, ma avrà la possibilità di accettare una composizione di piatti ben chiara e già stabilità senza varianti.

Infatti, una conviviale riunione a casa di una persona è esclusivamente una occasione per mangiare insieme piatti tradizionali o etnici. Gli home restaurants non sono né una sagra, né una festa di piazza e neppure un ristorante.

Oltretutto è anche oltraggioso accampare accuse nei confronti di chi organizza degli home restaurants come quelle riguardanti il non rispetto delle regole igieniche, anche perché tali sospetti, provengono da gruppi di persone votate esclusivamente al lucro e che il più delle volte non sono propriamente rispettose delle più elementari regole igieniche, aspetti che invece in una casa privata sono sempre osservati.

In conclusione la FIPE, cioè la Federazione Italiana Pubblici Esercizi, pensasse più a far attenzione in casa propria, invece di voler metter bocca sugli home restaurants organizzati in casa di privati cittadini, anche perché sui pubblici esercizi ci sarebbero davvero tante cose da dire, e il più delle volte non propriamente belle.

La puericultrice infonde tranquillità e sicurezza

L’impegno della puericultrice, i suoi sforzi nell’aiutare i neo genitori, sono aspetti di fondamentale importanza, principi basi per i quali si è sempre più portati ad affidarsi ai servizi di una puericultrice.

Non per nulla la puericultrice, che tra le altre cose è una figura professionale riconosciuta perfino dal Ministero della Salute, è un valido supporto per entrambi i genitori. Amore, discrezione, affidabilità e professionalità, sono solo alcune delle qualità che formano la moderna ed efficiente puericultrice del XXI secolo.

Gli effetti derivanti dalla sua incredibile professionalità non sono solo tangibili, ma anche evidenti. Le future mamme con l’aiuto di una puericultrice non solo potranno affrontare al meglio il periodo del travaglio, ma avranno anche un valido conforto per tutto ciò che è legato alla nascita di un bebè.

Infatti, il nuovo venuto non ha solamente la necessità di essere cambiato e lavato oltre che correttamente nutrito, ma necessita anche di un contesto nel quale possa sviluppare tutte le sue capacità conoscitive.

Avere tra le braccia per la prima volta il proprio bambino può anche far crollare all’improvviso tutte quelle che si reputavano essere certezze. È normale e umano. Non per nulla esiste una differenza tra la teoria e la pratica.

Questi due aspetti sono ben equilibrati nella preparazione di una puericultrice, ed ecco spiegata la ragione della sua alta professionalità e affidabilità, oltre che della sua innata capacità di infondere tranquillità e sicurezza. Inoltre oggi non deve neppure spaventare il ricercare questa importante ed indispensabile figura professionale.

Infatti, che cerca una puericultrice, potrà affidarsi con fiducia alle varie professionali agenzie online, che si possono trovare su Internet. Grazie a queste agenzie online, la ricerca di una puericultrice non solo sarà semplice e facile, ma anche sicura, in quanto potremo contare sulla esperienza tecnico burocratica di queste varie agenzie online.

L’arrivo di un bebè è certamente uno dei più bei momenti in una vita familiare, e potrà essere goduto con maggior piacere grazie all’aiuto di una puericultrice.

Una domestica fa tutti quei lavori necessari in una casa

Anche se è un aspetto che tendenzialmente viene ad essere obliato, è bene ricordare, in linea generale, che se si assume in forma diretta una domestica si ha l’obbligo di legge di doverla mettere in regola con una comunicazione da inviare agli enti previdenziali.

È solamente il caso di rammentare che se ciò non dovesse avvenire, la legge italiana prevede delle sanzioni che sono molto gravi. L’inquadramento di tale personale è effettuato sulle competenze in base alle esperienze professionali. Nel cosiddetto livello A, pertanto, potranno essere inquadrate tutte quelle figure che raffigurano un lavoratore generico, quindi prive di una esperienza lavorativa, oppure che abbiano solamente una esperienza lavorativa che risulta essere non superiore ai dodici mesi.

Di contro, tutte quelle figure di lavoratori che hanno una esperienza lavorativa che risulti essere superiore ai dodici mesi, privi di autonomia decisionale, rientrano in quello che tecnicamente è chiamato livello B.

Tanto nella cerca domestica, quanto nel supporto per l’applicazione dei regolamenti che riguardano questa figura lavorativa, le varie agenzie online possono di certo fornire un prezioso aiuto. Infatti, andando a navigare su internet, potremo trovare numerose agenzie online, che oltre a proporre serie figure professionali, ci possono fornire anche preziosi suggerimenti e aiuti nello svolgere le varie pratiche amministrative e burocratiche.

È anche bene ricordare che per svolgere questa professione come requisito necessario non viene ad essere richiesto alcun titolo di studio né generale né specifico. È sottinteso che per poter essere effettivamente una domestica qualificata sia necessario disporre di una solida capacita di collaborazione, di una estrema facilità nei rapporti interpersonali, come pure avere una buona manualità e una forte predisposizione nello svolgimento dei molteplici lavori di casa.
Inoltre, si deve essere affidabili, precise, pazienti, meticolose. Un titolo preferenziale è di certo dato da una precedente esperienza lavorativa svolta in questo importante e delicato settore.

La badante, una perfetta soluzione per i nostri cari

Sempre più la figura della badante ha assunto un ruolo di rilevanza nella assistenza di persone anziane e non più autosufficienti. Non per nulla, la badante per la gran parte di queste persone rappresenta una vera, e alle volte l’unica, fonte di affetto e compagnia.

Assuefatti a lunghissimi pomeriggi passati davanti alla televisione oppure a guardare il mondo dalla finestra, possono trovare negli stimoli dettati dall’ascoltare una voce che si sta dedicando a loro un bene davvero prezioso. Per molte famiglie che si trovano nella situazione di dover aver a che fare con un caro che è anziano e che necessita di attenzioni visto che non è più autosufficiente, la badante indiscutibilmente rappresenta una perfetta soluzione.
Se un tempo per la loro ricerca si ricorreva principalmente al cosiddetto passa parola, oppure ci si avvaleva dei servizi della parrocchia, oggi grazie ad internet si sono allargarti gli orizzonti. Infatti, chi cerca una badante potrà trovare sul web un considerevole numero di agenzie online.

Queste organizzazioni oltre che a poter proporre del personale competente, preparato, forniscono anche un supporto tecnico e burocratico al fine di poter sbrigare tutte le pratiche burocratiche connesse. La badante è oggigiorno divenuta una preziosa risorsa, una insostituibile figura professionale in grado di poter assistere tutte le persone bisognose.

In gran parte provenienti dai Paesi dell’Est europeo, queste donne si sono sempre più specializzate nell’assistenza di persone anziane e non più autosufficienti. In pochi anni sono divenute una vera e propria colonna portante dell’intero sistema di assistenza.

Un supporto che le vede all’opera presso il domicilio di tanti anziani che rischierebbero di rimanere isolati, bloccati all’interno delle loro dimore. Ma oltre a fornire compagnia e supporto, la badante gestisce la casa, si occupa dell’igiene dell’assistito, come pure lo segue nella sua terapia medica. Ecco perché la badante è giustamente considerata una vera e preparata professionista.

Source: http://www.collocamentodomestici.it